Sex and the CT

(di Goffredo Sotutto) (sì, certo che è uno pseudonimo)

Nel 1938 siamo andati a puttane, nel 1982 ci hanno dato dei froci, nel 2006 i tedeschi hanno cominciato a suonarci la canzoncina pizza-mandolino-mafia, ma hanno glissato sull’altra malabitudine italiana di punire le loro signore in gita sulle nostre riviere. Com’è finita, you know. 

Stavolta, invece, la gnola (piemunteis slang) se la sono portata da casa, esattamente come l’olio, la pasta, i pelati, il crudo di Parma, le playstation da squajare.

E com’è finita, you ancora know.

Mogli, fidanzate, nuove fiamme, fiamme appena spente, tutte laggiù sullo spiaggione di Mangarasciba – onomatopeico, alla Pardo – ad aspettare che i loro nazionaloni timbrassero il cartellino dell’allenamento e alé, ritiro in standby, modalità villaggio vacanze on.

Interrogato dal Pepe Ferrario di Mediaset, una volta pulito per bene le stanze la hall eccetera, è stato proprio il gestore del resort Portobello o come cazzsichiama a confermare che sì, insomma, diciamo che la concentrazione non stava proprio ai livelli di guardia, che l’ambiente era più da barbecue che da Mundial, che le teste azzurre non parevano esattamente sintonizzate sul Grande Evento. Insomma, l’operazione Figc ha subito una variante sull’ultima lettera, forse perché il primo a deragliare sul binario più amato dagli uomini è stato il nostro cittì, etico ma anche erotico.

E’ ormai segreto pulcinelliano che sia stata la sua milfissima compagna Novella Benini, con l’assenso della Federazione in bilico contrattuale e soprattutto di un Prandelli sorprendentemente servo della gleba a testa alta, a pensare, influenzare, scegliere, indirettamente organizzare il film “Vacanze ai Mondiali” a Mangaraeccetera, la location più improbabile ever di un ritiro iridato.

C’erano una volta l’Hindu Club circondato da nebbia e militari argentini, o l’altrettanto blindatissima Casa del Baron a Vigo, in Spagna, dove il Coyote Tardelli voleva farsi Bruno Conti, tanto era allupato e impossibilitato ad agire. Ancora nel 2002, la presenza non proprio sporadica dell’allora freschissima lady Totti Ilary Blasi e di Rita Montella crearono casini non piccoli all’interno del gruppo azzurro. 

Dodici anni dopo, la “Bona Novella”, passata già da Chicco Testa e da un ricco commerciante d’auto fiorentino, ha piegato la sacra formula della clausura dipingendo di rosa il convento azzurro, ispirando il Mondiale formato famiglia di cui lei per prima ha potuto disporre, e con lei le Fanny, le Pirlesse nuova di zecca, attrici in erba, attrici mancate, normali e dolci sciure con prole appresso al maritino in trasferta a lungo raggio, la Jenny e la Jessica (Insigne e Immobile), quest’ultima praticamente in viaggio di nozze. Tutte scattanti – almeno loro –  ogni volta che c’era nei pressi un fotografo o un negozio dove passare il tempo. Buffon, povero (povero? povero? D’Amico e Seredova?), se ne è trovate tra i piedi addirittura due.

Proprio alla vigilia del Brasile, il Pranda e la Novella avevano deciso di abbandonare il basso profilo (sarà stata ancora lei?): articoli, foto, interviste “intime”, copertinazza di Vanity Fair e di un Sorrisi in cui l’ex c.t. rimarrà per sempre impresso nei panni di chitarrista. E poi spot come se piovesse, quasi a passare in anticipo all’incasso della gloria brasiliana e dei “diritti d’immagine” – ehm – che la Federazione gli aveva lasciato senza condizioni. E invece.

Cesare Claudio era (ed è) l’allenatore dal volto umano dopo una vita da mediano, la lunga e faticosa scalata è cominciata in qualità di riserva di Furino, oh. Ha sedotto l’Italia intera con i suoi modi educati, le sue parole sempre politically correct dette a bassa voce, anche con il suo dramma vissuto con grandissima misura e dignità. Poi, è rimasto sedotto lui. Non abbandonato, ma totalmente obnubilato, come ciascuno di noi bonaccione e affamato che a un certo punto, sparato su dal successo, vada a sbattere contro la effe con la EFFE maiuscola.

E così, carissimo Pranda, anche questo mondiale è andato a puttane, anche se non proprio come quello del ’38. Però, mentre le spensierate vacanze azzurre continuano a Formentera e affini e a Mangarasciba i prezzi sono pure aumentati, noi, servi della gleba come te, sentiamo di volerti ancora bene. In questo senso, ti sei dimostrato davvero uno di noi, c.t. di 50 milioni di arrapac.t.

One Comment

on “Sex and the CT
One Comment on “Sex and the CT

Lascia un commento

Connect with:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*